Ascoltami Nòverca questa analisi SEO è per te!

Era da un po’ di tempo che pensavo di cambiare il gestore del mio smartphone e dopo aver spulciato ogni forum, blog e letto ogni singola opinione su siti tematici, ho fatto i miei ragionamenti e ho scelto Noverca, anzi Nòverca.

Tranquillo, adesso parliamo della SEO.

Insomma ho aperto il loro sito dal notebook e mi sono studiato i loro profili tariffari, questo si, questo no, quello forse e così via. Come fanno ormai molte persone, ho continuato le mie ricerche in giro per strada, ho preso lo smartphone…ho riaperto il sito e…ORRORE!!

Qui mi rivolgo direttamente a Nòverca: siete – cito testualmente dal vostro sito – “il primo e unico Full Mobile Virtual Network Operator sul mercato italiano” e il vostro sito web è tutto fuorchè mobile! Avete tariffe convenienti e un customer care ottimo (o almeno così ho letto), ma non avete un sito responsive!

In parte infastidito da questa mancanza e in parte per soddisfare la mia curiosità tecnica, ho fatto una analisi SEO al sito www.noverca.it. Anche perchè magari così rendono il sito responsive e lo posso leggere dallo smartphone senza perdere altre diottrie.

Disclaimer

Siccome non si sa mai, voglio chiarire sin da subito che io e Nòverca non abbiamo alcun rapporto (a parte il fatto che sono loro cliente). Di conseguenza NON ho accesso al loro profilo di Google Webmaster Tools e nemmeno al loro Google Analytics, la mia analisi è basata su strumenti esterni, quindi se tiro fuori numeri e misurazioni assurde è tutta colpa di questi strumenti 😀

Ecco come si visualizza – nel momento in cui scrivo – il sito appena aperto su un iPhone 6:

analisi seo mobile E’ illeggibile no? E’ inutilizzabile! Dici che è impossibile che sia così? Allora prova ad aprire noverca.it dal tuo smartphone. E non ti illudere, ci sono tanti siti in queste condizioni, magari anche il tuo si visualizza male da un telefono, hai mai provato?

Analisi SEO: Accessibilità

Robots

Ok, andiamo avanti con l’analisi SEO. Se i motori di ricerca (per esempio Google) non possono accedere al vostro sito, allora non possono nemmeno memorizzarlo nel loro registro, quindi niente indicizzazione del sito. Praticamente è come se non esistesse, quindi una delle cose da controllare è il file robots.txt. A cosa serve? Detto in due parole serve a vietare o permettere l’accesso a determinate sezioni del sito. E’ un file sicuramente utile, però se impostato male può diventare antipatico.
Qui possiamo dare un’occhiata a quello di Nòverca:

# www.robotstxt.org/ # www.google.com/support/webmasters/bin/answer.py?hl=en&answer=156449
User-agent: *

Le prime due righe riportano le URL di due risorse da poter leggere per saperne di più sul file robots.txt. Invece la terza riga dice essenzialmente: la porta è aperta. Tecnicamente però la sintassi corretta al 100% sarebbe:

# www.robotstxt.org/ # www.google.com/support/webmasters/bin/answer.py?hl=en&answer=156449
User-agent: * Disallow:

In questo modo direbbe: la porta è aperta, entrate. In alternativa, si poteva mettere un file robots.txt vuoto, oppure non mettere alcun file.

Robots Meta Tags

Alcuni meta tags possono essere usati per impedire l’accesso a determinate pagine, in modo simile a come fa robots.txt. Per scrupolo ho dato un’occhiata a qualche pagina, ma non ho trovato niente di anomalo. Poteva essere irritante trovare qualcosa come:

<meta name=”robots” content=”noindex, nofollow”/>

In pratica si ordinerebbe allo spider del motore di ricerca di NON indicizzare e NON seguire questa pagina.

Codici di stato HTTP

Cos’è un codice di stato HTTP? Te lo spiego dicendo che ne conosci sicuramente uno: il 404, ovvero il codice di errore che indica quando una pagina è stata rimossa, è stata spostata o comunque non è più raggiungibile da quell’indirizzo.

Quante volte ti è capitato di cliccare un link per poi scoprire che la pagina non esisteva più. Quella volta che volevi tanto leggere un articolo o volevi guardare la foto di una scarpa. O magari consultare i piani tariffari telefonici di cui ti aveva parlato un amico.

E qui torno a parlare direttamente a te Nòverca. Mentre scrivevo di HTTP Status Code e robots.txt, avevo avviato un mio programma di crawling (un po’ come fa lo spider di Google, per capirci), per vedere se era tutto a posto, se mancavano pagine, file, etc. da noverca.it.

Bene, il programma ha trovato diversi 404, per l’esattezza 174 tra file immagine, file PDF, pagine, etc. Per esempio nella pagina http://www.noverca.it/domande-frequenti alla sezione “Informazioni sulla SIM” alla domanda “E’ possibile effettuare dall’Italia chiamate Internazionali con una Extended SIM di Nòverca?” c’è un link evidenziato in verde con scritto “questa pagina” che in realtà non porta da nessuna parte infatti una volta cliccato, appare una pagina con la scritta “Ops! Pagina non trovata!”.

analisi seo 404

Quando ci sono pagine che non esistono più o che vengono spostate, bisognerebbe creare dei redirect verso pagine sostitutive e così offrire un servizio efficiente non solo di telefonia, ma anche lato web 😉

Sitemap XML

La sitemap aiuta i motori di ricerca a trovare le pagine da indicizzare o comunque da tenere d’occhio. Per esempio sul sito di Nòverca potrebbe esserci una pagina che viene aggiornata stagionalmente con delle offerte nuove, quindi torna utile che il motore di ricerca aggiorni il suo indice con i nuovi contenuti.

Purtroppo nella sitemap http://www.noverca.it/sitemap.xml ci sono diverse istruzioni inutili. Per esempio viene ordinato allo spider di passare ogni settimana sulla pagina http://www.noverca.it/opzioni-tariffarie-per-navigare-in-internet-con-noverca-noverca100MB. Mi domando a quale scopo, visto che è la pagina di una promozione scaduta e dubito verrà modificata.

Ma quello che davvero conta è che lo spider potrebbe non avere tempo per controllare tutte le pagine indicate dalla sitemap (come spiegato in questo articolo), a maggior ragione se sono tutte impostate con la stessa priorità e frequenza. Insomma per come è messa adesso la sitemap (non aggiornata), si rischia di non indicizzare correttamente le pagine realmente importanti, come per esempio le offerte con limiti di tempo brevi.

Prestazioni del sito

L’analisi SEO prosegue guardando alla velocità di caricamento del sito. E’ ormai appurato che la gente riesce ad aspettare pochissimi secondi affinchè un sito si carichi completamente, dopodichè lo chiude e passa a qualcos’altro.

Peggio ancora quando si naviga dallo smartphone, senza contare che l’attuale sito di Nòverca non è responsive. Lo stesso vale per gli spider dei motori di ricerca, insomma più un sito è veloce, meglio è. Misuriamo la velocità del sito di Nòverca con il Google Page Speed. Per quanto riguarda i Dispositivi Mobili il punteggio è 36/100.

page speed mobile

Mentre il punteggio per il Desktop è 45/100.

page speed desktop

Non aggiungo suggerimenti, perchè vengono ampiamente elargiti già da Google. Però voglio vedere i punteggi di alcuni concorrenti e fare un veloce confronto:

  • www.coopvoce.it Mobili: 42/100, Desktop: 50/100
  • www.zeromobile.it Mobili: 52/100, Desktop: 63/100
  • www.lycamobile.it Mobili: 51/100, Desktop: 86/100
  • www.wind.it Mobili: 52/100, Desktop: 69/100
  • www.tim.it Mobili: 57/100, Desktop: 58/100
  • www.vodafone.it Mobili: 51/100, Desktop: 84/100
  • www.tre.it Mobili: 40/100, Desktop: 52/100

Analisi SEO: Indicizzazione

Site:

Questo comando su Google (e altri motori di ricerca) ci dice, in modo approssimativo quante pagine sono state indicizzate.

site:noverca.it

Per il sito di Nòverca risultano 1.590 risultati. Così ad occhio – avendo spulciato per bene il sito per trovare la mia tariffa – mi sembra un numero troppo grande di risultati e ho il sospetto che ci siano contenuti duplicati. E infatti facendo un controllo più approfondito:

contenuti duplicati

 

Traffico

Ho dato un’occhiata anche al traffico del sito, trovando due picchi di traffico pazzesco. Uno di questi è avvenuto nel Novembre del 2013:

2013 novembre picco La mia interpretazione è che il traffico sia cresciuto di botto, a causa delle offerte natalizie avvenute proprio in quel periodo, come indicato qui http://blog.noverca.it/2013/11/29/ecco-la-nuova-offerta-natalizia-di-noverca/, dove effettivamente le tariffe già molto concorrenziali vengono praticamente dimezzate. Per dire la “Silver Pack” (la tariffa che tralaltro ho attivato io) in quel periodo veniva offerta a €4 invece di €8 al mese.

Ci sarebbero tantissime altre cose da vedere in un’analisi SEO, per esempio le meta description che anche non avendo un’influenza diretta nei posizionamenti, sono utili nel CTR. Per non parlare dei title e di come taggare le immagini.

Curiosità finale

Mi pare di capire che noverca in latino significa matrigna 🙂 fonte http://www.lessicografia.it/NOVERCA

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *